“Un popolo ha la libertà per cui è disposto a lottare”

Stephen Littleword

E’ il 25 Aprile e l’Italia ricorda la liberazione dal Nazifascismo. Si ricorda un momento importante per la nostra libertà, sia individuale che collettivo. Un momento dove la coesione tra la gente non è mai stata tale. Vorremmo che questo punto chiave della nostra storia avvenisse tutti i giorni dentro di noi. Piccole scelte ma fatte con libertà e rispetto. Libertà dalle mode facili, dai preconcetti, dai stereotipi, dalla vita frenetica e dallo stress. Ma soprattutto libertà dalla violenza, anche quella gratuita che rovina molto spesso lo sport. Quest’anno in questa data importante ha preso il via il Gravitalia, una bella coincidenza che ci fa piacere, come ci fa piacere vedere un alto numero di partecipanti a questa competizione.

Siamo a Spiazzi di Gromo, una bella località lombarda in provincia di Bergamo, nella Valle Seriana. Tra questi boschi gli organizzatori hanno dato vita ad un bel tracciato molto veloce e lungo che parte dal Rifugio Vodala. 

Oltre trecentotrenta gli iscritti a questo primo round del Circuito Nazionale. La voglia di riprendere era visibile tra tutti. Come tanta era l’emozione di rivedere sui campi di gara amici e conoscenti dopo la pausa invernale.  Nella giornata di sabato purtroppo il meteo non è stato dei migliori, come da previsione è arrivata la pioggia. Durante il pomeriggio mentre era in corso la manche di qualifica del gruppo Agonisti Maschile le prime gocce sono arrivate sul tracciato cambiando le condizioni. Gli ultimi rider che stavano salendo in seggiovia si sono ritrovati sotto la pioggia battente ed il freddo. In pochi minuti il percorso si è fatto sempre più scivoloso, con le bici non settate per queste condizioni è stata dura chiudere la qualifica con ottimi tempi rispetto ai primi concorrenti scesi.

Le qualifiche del sabato hanno visto Nicola Casadei in prima posizione nella Categoria Agonisti. Per l’atleta del Team Airoh-Axo-Santacruz un bel ritorno alle gare di Downhill dopo la vittoria nella Coppa Italia Enduro a Sestri Levante. Dietro a lui Gianluca Vernassa del Team Argentina Bike seguito dal giovane compagno di squadra Loris Revelli.

Tra le donne dominio in qualifica per Veronika Widmann, portacolori del Team A.B.C. Egna Neumarkt. In seconda posizione Eleonora Farina del Team Mangusta Bike Team, dietro di lei Rosaria Fuccio, atleta Team Ancillotti Doganaccia.

La domenica mattina al risveglio tutti speravano che il meteo potesse migliorare sensibilmente. Le nuvole erano ancora presenti e minacciose ma dalle ore undici, i vari auspici sono rimasti solo delle vane speranze. La pioggia è tornata a cadere sul percorso, prima leggermente e poi con il passare del tempo sempre più intensamente. In queste condizioni poco facili, dalle ore tredici in punto è partita ufficialmente la prima gara Nazionale della stagione 2015. I primi a scendere sono gli Amatori Uomini, tanti gli iscritti in questa categoria. Alla fine il vincitore di giornata si conferma Fabrizio Dragoni del Team Alessi Racing Team, dietro di lui Michele Azzola team Four T-Project e in terza posizione Luca Fusani tesserato con il Team A.S.D. G.S. Pro-M.

A seguire la categoria Amatori Femminile, dove Sara Mologni Team Scout Nukeproof si impone sulle altre concorrenti. Secondo posto per Denise Tremul A.S.D. Gravity Project e terzo posto per Mary Perin del Team Ancillotti Doganaccia.

Sono circa le quattordici e trenta quando Veronika Widmann Team A.B.C. Egna Neumarkt parte dal cancellato, dando il via alla categoria Agonisti Femminile. Per lei toccherà solo il secondo gradino del podio. Al primo posto infatti si è piazzata Eleonora Farina del Team Mangusta Bike. In terza posizione Rosaria Fuccio Team Ancillotti Doganaccia.

Gli ultimi a scendere sono gli Agonisti Uomini, la categoria più attesa dove ci si aspetta di vedere se le posizioni del sabato saranno riconfermate. Su una pista molto scivolosa e con una pioggia costante Gianluca Vernassa è riuscito a stupire tutti i presenti con un tempo straordinario. Al secondo posto si è confermato Francesco Colombo sempre del Team Argentina Bike che dopo la buona prestazione in Coppa del Mondo a Lourdes, conferma il suo ottimo periodo. Subito dietro di lui, a circa mezzo secondo, si è piazzato Johannes Von Klebelsberg del Team A.S.C. Tiroler Radler Bozen. Inoltre è stata una domenica molto positiva per il Team Argentina Bike grazie anche al quarto posto del giovane junior Loris Revelli che si impone tra i top rider con un tempo di gara ottimo.

Con questi risultati alla prima di campionato, si preannuncia una stagione bella intensa e combattuta. Pioggia, fango e freddo non hanno fermato la fiamma della passione che alimenta ogni downhiller. Anzi queste condizioni hanno esaltato la spettacolarità di questo sport lasciando nulla al caso sino alla fine. Vorremmo che la coincidenza con il 25 Aprile fosse di auspicio per tutto il movimento, sognando di poter vedere crescere sempre di più questo sport in Italia. Il prossimo appuntamento è fissato per il 30 e 31 Maggio a Frabosa Soprana in provincia di Cuneo.

Tutto il materiale pubblicato è di proprietà del sito Welovetoride.it e coperto da Copyright. E’ vietato ogni utilizzo, anche parziale senza il consenso dell’autore. Per ogni richiesta potete contattarci tramite email all’indirizzo: ride@welovetoride.it. Cheers!