“Il livello è alto e le gare sono lunghe e dure, io ce la metterò tutta.”

Andrea Garibbo

Ci sono persone e Atleti che si fanno amare per come sono. Cosi, genuini, schietti che hanno del talento in bici e la gente li stima perché quel che fanno e lo fanno sempre con il sorriso. Tanto impegno e sacrificio che non traspare, perché quando hanno la tabella davanti inizia lo show. Andrea Garibbo sicuramente è uno di questi. Battuta pronta con tutti e divertimento in pista assicurato. Poi il lunedì si torna al lavoro! Come è nata questa tua partecipazione al Mondiale E-Bike? La mia partecipazione al Mondiale E-bike è nata per gioco nel 2019 , quando l’UCI inserì nel Mondiale in Canada la disciplina Exc, sinceramente non fui io a pensare che poteva essere una grande esperienza, non ci avevo nemmeno pensato a quella gara in quell’anno, mi interessavano solo le gare di enduro. Quando però alcuno miei amici mi fecero pensare che poteva essere un’esperienza irripetibile correre il primo Mondiale della storia con una bici a pedalata assistita, con la maglia della nazionale, mi convinsi, avevano ragione!! Come è andata la tua gara? Ti aspettavi un risultato cosi? Ti sei divertito? La mia gara di quest’anno è andata molto bene, sono partito senza nessuna ambizione, sapevo di stare bene e di avere una ebike competitiva, visto anche il risultato della World Cup a Bologna, però mi importava esserci e divertirmi, così è stato! Peccato per la partenza che mi ha fatto perdere un pò di secondi, ma la mia prestazione sarebbe cambiata di una posizione o massimo due, quindi poco importa. È stato incredibile a fine gare vedere le frequenze cardiache, su 58 minuti 186 battiti medi, essendomi allenato sempre in enduro sono partito molto forte e poi sono calato da metà della corsa, comunque sono molto soddisfatto della gara! Su Strava troverete nelle mie attività i dati della val di sole! La gente a bordo pista ti ha tifato e supportato durante tutta la competizione? Per i primi due giri molte persone mi urlavano “vai Martinoooo”, dentro di me pensavo: “ma cazzo, Martino è biondo capelli lunghi e senza barba, io sono pelato con la barba e oltretutto nera”. Tutti mi tifavano, sentivo urlare da tutte le parti, pensavo che in queste gare ognuno tifasse gli atleti della propria nazionalità, qui sentivo urlare in tutte le lingue, probabilmente tutti tifavano tutti, il pubblico è magico! In più ho riconosciuto anche molto amici a bordo del percorso, alcuni mi indicavano i distacchi davanti e dietro di me, altri mi facevano ridere con battute di ogni tipo, che bello! Cosa ti aspetta adesso a livello di impegni? Hai altri appuntamenti in vista? Adesso diciamo che inizia la parte “dura” della stagione, i tre appuntamenti del Enduro World Series, mi piacerebbe fare bene, però è molto difficile, il livello è alto e le gare sono lunghe e dure, io ce la metterò tutta, mi piacerebbe stare nei dieci, vedremo! Chi vuoi salutare o ringraziare a questo punto? Sicuramente tutte le persone che come me fanno dei sacrifici per far sì che tutto questo sia possibile, i miei genitori, mia sorella, la mia ragazza, e in più Haibike che come me (o forse io come loro) credono nelle e-bike e da tre anni a questa parte mi aiutano nell’affrontare tutte le mie avventure!
Tutto il materiale pubblicato è di proprietà del sito Welovetoride.it e coperto da Copyright. E’ vietato ogni utilizzo, anche parziale senza il consenso dell’autore. Per ogni richiesta potete contattarci tramite email all’indirizzo: ride@welovetoride.it. Cheers!