Ci sono storie che ci fanno sognare, momenti unici che restano nella nostra mente. In questi mesi abbiamo seguito Dennis Tondin nel suo viaggio in Sud America. Partito senza grandi budget, ma con la voglia di impegnarsi e migliorarsi, il Tondo ha deciso di partecipare a varie gare, compresa una tappa dell’EWS. Era sicuro che le avrebbe “prese”, ma di certo l’unico modo per crescere è uscire dal proprio orticello e confrontarsi con i veri atleti. Come sono andate le cose? Lasciamo raccontarlo a lui. Ok la fortuna è importante, ma a questi livelli, certi risultati non arrivano per puro caso.

Eccoci di nuovo qua, c’è stato un po’ di silenzio stampa in questo periodo per non stufare col raccontarvi come sta proseguendo il viaggio in Argentina. Vi riassumo un po’ di tutto quello che è successo in questo periodo, rientrati da Valparaiso siamo venuti qua a RioCeballos a casa Jere, che come sempre mi ospita. Il lunedì dopo Valpo è arrivato il mio amico Simone per passare un mese qua a girare con noi. Arrivati qua abbiamo sistemato un po’ di cose, e abbiamo iniziato a girare un po’ per i posti qua nella zona. Ci sono dei Trail da paura e posti bellissimi! Un giorno siamo andati a fare un giro al Cumbriecita un posto fantastico con un paesaggio veramente da togliere il fiato, ci siamo fatti un oretta e mezza di salita per poi scendere da un Trail da togliere il fiato! Nel frattempo parlando con Ibis Argentina è saltata fuori l’occasione di poter correre con una delle loro bici la Mojo HD 4, neanche dirlo, ho preso la palla al balzo e con un amico siamo andati fino a Tucuman a prendere e montare il telaio con tutta la mia roba. Il giorno dop siamo andati a fare un po’ di test nei sentieri che ci sono lì. Dal primo secondo mi sono trovato veramente bene con la bici, sembrava di averla guidata da una vita! Sembra strano essere dall’altra parte del mondo e trovare gente che ti vuole aiutare, è una bella soddisfazione, qua la gente vede quanto ti sbatti e quanto dai te stesso per fare quello che ti piace… a differenza che.. mi fermo qua perché se no potrebbe succedere una mezza guerra… Ahahahaha Ringrazio ancora Anselmo per l’opportunità che mi sta dando!!

Dopo un paio di settimane siamo partiti per Mendoza, più precisamente San Rafael dove si correva l’Argentino Assoluto DH, altre 8 ore di viaggio circa ahahaha. Comunque arrivati, andiamo a vedere il percorso, fantastico super tecnico, molto roccioso con qualche bel pezzo veloce… finito il giro a piedi non vi nego che ero un po’ preoccupato di correre con l’enduro per di più visto che la bici la avevo da una settimana e mezza…. Arriva il sabato dove iniziamo con le prove, iniziò a prendere un po’ di confidenza col tracciato e con i passaggi, alla fine la mia biciclettina se la cava molto bene e mi da buona confidenza. Domenica una discesa di prova e poi manche di qualifica, arrivò in fondo con qualche errorino, però alla fine con un buon tempo che mi fa terminare 10°…  Non pensavo vista la mia run, quindi risaliamo per la gara, motivato e concentrato per fare bene. Parte la run, faccio tutto più o meno bene, un paio di sbavature ma niente di che e alla fine finisco 7°. Beh che dire se non che sono super contento del mio risultato, un sacco di gente mi ha fatto i complimenti per il tempo che ho fatto con una enduro.

Foto: Claudio Olguin

Finita la gara abbiamo caricato tutto e siamo partiti perché due ragazzi che erano con noi dovevano essere di nuovo a Cordoba il lunedì. In tutto questo abbiamo lasciato Simone che ancora ringrazio per la compagnia e il supporto nel periodo che è stato qua, lo abbiamo affidato a un amico che lo accompagnava e ospitava per una notte a Mendoza, perché il giorno dopo aveva il Bus per tornare a Santiago del Chile per prendere l’aereo per il rientro. Siamo arrivati a casa di Jere circa alla mezzanotte, distrutti ma contenti anche perché Jere ha finito quinto con un buon tempo!! I giorni seguenti siamo sempre stati in zona a girare un po’ ed il fine settimana c’è stata una garetta di enduro qua, ad un ora di distanza al bike park Las Pircas. Siamo arrivati la domenica senza provare le ps, siamo riusciti a fare un giro su una delle tre ps, e poi via con la gara. E’ stato divertentissimo anche perché mi piace un sacco guidare alla cieca, e alla fine abbiamo finito primo Jere e secondo io ahahaha, come sempre mi finisce davanti!

Foto: Claudio Olguin

Rientriamo a casa a preparare tutto perché il martedì notte finalmente si parte per la tanto attesa prima tappa della Enduro World Series in Chile a la Parva. Arriviamo il mercoledì verso le 11 di mattina distrutto dal viaggio di 14 ore, passiamo in un paio di negozi a prendere le cose che ci mancavano e saliamo a La Parva, arrivati all’hotel scarichiamo bici e andiamo a fare le iscrizioni. Incontriamo anche Matteo Raimondi e Andrea il suo meccanico che erano lì da un paio di giorni, facciamo due chiacchiere e poi letto per riposare in vista delle prove. Giovedì mattina sveglia presto, una buona colazione e via a provare, arriviamo alla prima ps si fa un po’ di fatica perché siamo a più di 2500mt, quindi dobbiamo un po’ abituarci, partiamo a provare e come già si sapeva non si sta in piedi, il famoso antigrip di questo posto si fa sentire tutto per noi, perché poi vedi passare lo “Zio Sam” e sembra che sia quasi tutto normale ahahaha. La cosa più bella?? Una ps 2 da circa 20 minuti, fantastica… finiamo il primo giorno abbastanza provati, cena e nanna!!

Foto: Claudio Olguin

Il giorno dopo via a provare le altre tre prove speciali. Finite le prove prepariamo le bici, cambiamo gomme etc etc. Perfetto la bici è pronta e io? Non so se sono pronto ma si ero carico per provare a fare bene!! Partiamo il sabato mattina verso le 9:40 e via a pedalare, facciamo le prime 2 ps, e mi arriva un messaggio da Alia che mi chiede se sto bene etc dicendomi che sono nei 40. Non ci credo di ever fatto così bene, quindi parto carico per la ps3, la più pedalata del giorno uno e alla fine come si sapeva li ho preso qualche secondo, ma finisco 47°, un buon risultato per me! Si rientra all’hostel cena e a dormire perché sono morto Ahaha. Domenica mattina si riparte carichi per provare a fare bene come il giorno prima, partiamo con la prima ps e purtroppo iniziano i problemi con un po’ di traffico, che col polverone che c’era era veramente difficile passare perché appena arrivò dietro a qualcuno non vedi assolutamente niente, e purtroppo in ps 5 provando a passare un altro atleta (che qua nessuno ti da strada) ci siamo agganciati e finiti per terrà tutti e due perdendo un sacco di tempo. Fa niente avanti a provare a fare bene la 6. Finiamo la gara, aspettiamo che arrivano tutti per vedere come finiamo nella generale.

Foto: Claudio Olguin

Non ci posso credere alla fine abbiamo finito 37 Jere 39 io, per me finire nei 60 era già una buona cosa visto che è la mia prima stagione in enduro e soprattutto visto il livello e la difficoltà di questa gara. Controllo bene per essere sicuro visto che nn ci credo e si è proprio così, non potete immaginare quanto ero contento, visto che il giorno due ho avuto problemi col traffico alla fine sono soddisfatto, si vede che l’allenamento del mio “coach” Alia ha funzionato ahahaha!

Foto: Claudio Olguin

Rientriamo tutti contenti al hostel, un po’ di festa e poi nanna perché alle 6 del mattino si parte per rientrare!! Mi sveglio al mattino con un sacco di messaggi di gente che mi faceva i complimenti per il risultato, comunque alla fine mi è andata bene, non è che ho fatto una cosa così fuori dal comune, e un attimo sbagliare su questo anti grip o bucare, quindi alla fine sono stato fortunato niente di più. Ora siamo sempre a Rio Ceballos a casa del mio Hermanito Jere che aspetto il 5 aprile per rientrare in Italia, che se devo essere sincero un po’ mi manca, la mia famiglia, gli amici i miei Trail.
Con questo report finisce il mio viaggio qua in Sud America , ringrazio la mia famiglia per il supporto e l’aiuto. Ringrazio Serafino, Walter e Braking perché se non fosse stato per il loro supporto non sarei qua, e ringrazio tutti quelli che mi stanno aiutando in questa stagione per poter fare quello che mi piace. Grazie Ibis ArgentinaGistDamilFirDeaneasyBike YokeDouble3HzgogglesAlpinestarsOxeegoFenzAftonAnderanigroup – BilletBrakingDhsignDanger Zone100One shopGirando Mtb. E come sempre un super grazie a Welovetoride.it!

Foto Copertina: Claudio Olguin 

Foto Articolo: Claudio Olguin

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Tutto il materiale pubblicato è di proprietà del sito Welovetoride.it e coperto da copyright. E’ vietato ogni utilizzo anche parziale senza il consenso dell’autore. Per ogni richiesta potete contattarci all’email: ride@welovetoride.it. Cheers!