Non capita molto spesso che un tracciato di Downhill acquisti tanta fama e tanto rispetto sia dai piloti che dai tifosi. Ma non capita nemmeno spesso che il “creatore” di questo percorso sia così stimato, seguito ed amato dai molti. Perchè? Non lo sappiamo di preciso, però abbiamo voluto fare un giro assieme a Pier Paolo “Pippo” Marani che ci ha illustrato le novità introdotte assieme ai ragazzi di Val di Sole Bikeland, sulla pista “Black Snake” rinnovata per i prossimi Mondiali Downhill UCI che ospiterà a Settembre.

pippo_marani_vds_2016_097

Quali sono le principali novità del tracciato 2016?
Le principali novità sono che abbiamo ridisegnato la prima parte ed abbiamo rimesso dentro il muro storico della Val di Sole, oltre che ridisegnato una zona nuova per arrivare alla “Strada Romana”. Inoltre abbiamo ripreso il ponte classico per inserirci con la vecchia pista di sempre, appunto quella storica.

Pippo Marani e la Black Snake 2016
Pippo Marani e la Black Snake 2016
Pippo Marani e la Black Snake 2016

In base a cosa sono state fatte le modifiche al tracciato?
Ma sostanzialmente cambio tutti gli anni proprio per dare qualcosa di nuovo. Non ci sono delle pressioni particolari. Mi devo trattenere un po’ perché io oserei di più, io andrei ancora un po’ più sul tecnico, più sul duro, però nel Mondiale in particolare ci sono degli junior che non sono abituati a correre su piste del genere per cui devo tenere un occhio di riguardo anche per loro. In base a quello mi muovo per cercare di aiutare un po’ tutti, quindi faccio un lavoro di pulizia che è notevole.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Quest’anno ci saranno anche i master. Vuol dire doppio lavoro, doppia fatica, doppio impegno?
Beh quest’anno io ho voluto fortemente avere i Master perché loro sono stati i primi ad aprire questa località nel 2004 con gli Europei Master, però devo dire che per loro sarà molto dura, non per tutti, ma sarà molto dura. Ma sarà anche una soddisfazione loro scendere su un tracciato del genere. Doppio lavoro no, alla fine è sempre quello spero solo che facciano i bravi e stiano calmi. Ho fatto delle varianti per i master, ma il lavoro è principalmente quello.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Hai diviso il tracciato tra Master ed Elite. Sono queste le principali differenze tra i due percorsi?
La differenza che c’è tra Master e Pro riguardo al percorso è che ci sono quattro varianti che addolcisco un po’ la discesa. Praticamente gli abbiamo tolto i muri più importanti, quindi il percorso è uguale per tutti con solo queste quattro situazioni che la rendono un po’ meno dura.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Quale è il punto più spettacolare del percorso?
Mah una bella domanda, ci sono davvero tanti punti, ma io penso sempre il primo muro che è la caratteristica della Val di Sole, anche se ridisegnato mette sempre timore.

pippo_marani_vds_2016_094

Questo sarà il tracciato definitivo oppure per il 2017 subirà delle modifiche?
Qui le modifiche vengono scelte in base a come passa l’inverno la pista. Se è un buon inverno saranno poche, se è un brutto inverno ci sarà molto lavoro. Io ho già in mente anche una pista nuova, vedremo se me la lasciano fare o manteniamo quella che abbiamo.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Hai mai ricevuto critiche al tuo lavoro?
Sempre perché questa è una pista amata ed odiata. Sia chiaro critiche costruttive, vado contro un po’ tutti perché io ho un mio pensiero e mi scontro con altre idee, diciamo più aggiornate, più contemporanee, ma io sono della vecchia scuola e penso che paghi la vecchia scuola. Per cui ascolto tutti e poi alla fine traggo le mie scelte.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Che caratteristiche deve avere un atleta per andare forte qui?
Sicuramente qua non improvvisi niente o sei allenato oppure fai due curve e vai a casa. Sicuramente una buona preparazione atletica ci vuole perché qua servono braccia, serve fiato e tanta tecnica perché questa è una pista che la devi attaccare da su fino a giù, perché è impensabile subirla, non arriveresti in fondo. Per cui un atleta in tutti i sensi, ultimamente poi sono cambiate anche le modalità di allenamento dei piloti per cui sono molto più specifiche ed ormai sono quasi tutti dei pro che seguono allenamenti specifici per queste cose.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Cosa ti piacerebbe vedere da questo Mondiale?
Come sempre mi piacerebbe vedere l’ultimo che scende e che vince il Mondiale. Che sia innanzitutto un Mondiale combattuto, con un percorso tale e duro e che vinca il migliore, ma ripeto mi piacerebbe tanto che vincesse un anonimo che quel giorno li va a manetta e fa la gara della vita.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Quale è la tua soddisfazione più grande?
La mia soddisfazione più grande è vedere gli atleti che vanno, scendono lungo il percorso proprio per il gusto di fare la Downhill, cioè come dovrebbe essere fatta. Questo mi da una gran soddisfazione.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Perché ti impegni così tanto in questa avventura?
Questa è una bella domanda. L’impegno vale perché le soddisfazioni sono tante, ma è la mia passione, la mia grande passione per questo sport che mi porta a fare dieci ore al giorno dentro al bosco. Mi fa molto piacere l’affetto di tutti che hanno nei miei riguardi, ma lo faccio per la mia grande passione, non per medaglie, titoli o cosa, semplicemente passione.

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Secondo te cosa si aspetta il pubblico da un evento del genere?
Negli ultimi anni il pubblico segue molto la Downhill, per cui si aspetta delle evoluzione classiche che fanno questi “funamboli”, per cui salti, passaggi impossibili, ma per loro pane quotidiano ed io penso che ci sarà un grande spettacolo. Quindi non mancate, venite a fare casino, molto casino!

Pippo Marani e la Black Snake 2016

Adesso manca davvero poco a questo appuntamento così importante. Rilanciamo l’invito di Pippo Marani per venire ad assistere e tifare gli atleti lungo il percorso. Quindi a Settembre non prendete impegni.

pippo_marani_vds_2016_158Pippo Marani e la Black Snake 2016 Pippo Marani e la Black Snake 2016 Pippo Marani e la Black Snake 2016